Donne tu tu tu

il pesantone rubrica azione gay e lesbica

Siccome mi piace complicarmi la vita partirò con un argomento che, se ne esco vivo, mi piacerebbe affrontare con voi: le donne ed il femminile. Non parliamo di donne col tutù o donne amiche dei gay, ma di ciò che di più lontano e di più vicino ci può essere per un maschio gay: le lesbiche!

[che poi ci sono anche lesbiche con o senza il tutù amiche o meno dei gay, ma restiamo sul semplice]

Amici, esse esistono, e vi dirò di più, come si parla bene con la maggior parte di loro, non lo si fa con nessuno/a/* (a parte Milva la Rossa, con cui se ci fosse modo, intavolerei una discussione sul partito socialista italiano). Anzi, ho deciso che nella prossima vita vorrei essere donna e lesbica.

Ma vuoi mettere poter far la faccia da “Non c’è proprio niente da ridere” con un senso ed una giustificazione in qualsiasi situazione?  Ora, avete presente il ruolo che in media viene affibbiato alla donna? Ecco, avete capito uno dei mille motivi perché una lesbica può essere anche un attimino ombrosa ed avere la faccia da nonceproprionientedaridere.

Secondo motivo: dato che sono un Pesantone cresciuto a suon di Mistero della pietra azzurra e sociologia, mi pongo sempre il problema di come il mondo venga vissuto dagli/lle/* altri/e/*. Ed essere donna, tanto più se lesbica, ti immette in un mondo complicatissimo fatto da rappresentazioni del sé e di rappresentazioni che altri/e/* vogliono affibbiarti che sono una matassa da districare e capire ogni giorno.

E poi c’è la questione del rapporto di rottura totale con il maschio medio eterosessuale: non ne sei attratta, addirittura ti sottrai ed opponi alle sue brame e quasi lo sfidi non riconoscendogli il suo potenziale sessuale culturalmente riconosciuto. Per me è pura poesia.

Inciso: pure io in questo momento sto affibbiando alle lesbiche una mia rappresentazione semplificata e di parte, ma questo è quel poco che ho capito.

Per ora continuo ad essere un maschio gay, barbuto, con un debole per i biondi (ma anche i mori, i rossi, i brizzolati: basta che sappiano argomentare un discorso) ma la prossima vita voglio vedere cosa c’è dall’altra parte. La prossima vita voglio essere lesbica.

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
Facebook
YouTube
SOCIALICON