Quello che le donne non dicono

almanacco di vita lesbica

Adunque care lettrici in questo nostro secondo appuntamento affronteremo una particolare tipologia di “incidente diplomatico” che può verificarsi in frangenti sessuali, soprattutto quando una relazione abbia superato da un po’ di tempo la sua fase di intensa passionalità, oppure in situazioni (ahinoi, accade) di intesa sessuale da sempre scarsina.
Queste due condizioni, difatti, tendono ad indurre una certa distrazione durante l’atto, che potrebbe portarvi a pronunciare frasi assolutamente poco indicate dato il frangente e data la persona (e dato che magari abitate pure in casa sua ad esempio). Di seguito dunque un pratico schemino con elencate le frasi che potrebbero affiorare alle vostre labbra durante l’amplesso, affiancate da quelle che dovrete invece pronunciare in sostituzione.
E’ necessario che studiate il prospetto un’ora ogni sera per un mese, acciocché la sostituzione vi divenga automatica già nell’inconscio.
Buon lavoro!

 

Frase pensata Frase da dire
Ma c’è sempre stata quella crepa sul soffitto? Mi piace così tanto guardarti mentre facciamo l’amore
Secondo me mi ha punto una zanzara Adoro quando affondi le unghie nella mia schiena
Mi sembri un pochino ingrassata Quanto mi piaci
Questa coperta di lana mi fa prurito Non vedo l’ora che arrivi l’inverno per poterti tenere stretta stretta sotto le coperte
Mi stai schiacciando, non respiro Mi piace sentire il tuo corpo su di me
Ma te l’ho già raccontata quella dei tre turisti al bar? Sì, amore, così, ancora
Ricordiamoci domani al super di ricomprare i ceci Vorrei coprirti di panna e leccarti tutta
Forse è ora di cambiare le lenzuola Adoro l’odore della tua pelle
Madonna mia che sonno Tu mi fai stare così bene
Ah senti, domani vengono a cena Anna e Lucia Io e te, soltanto io e te, per sempre
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
Facebook
YouTube