SPORTELLO DI MEDIAZIONE DEI CONFLITTI FAMILIARI

sportello mediazione familiare
La mediazione dei conflitti familiari facilita la comunicazione tra le persone attraverso l’azione della/del mediatrice/tore, neutra e imparziale. Non è terapia. Ci si può rivolgere alla mediazione dei conflitti, individualmente o in coppia, quando:

  • la figlia o il figlio voglia essere aiutata/o a trovare le parole per comunicare la propria omosessualità ai genitori o in tutti i casi in cui si decida di dichiararsi agli altri (parenti, amici, figli, colleghi, ecc.),
  • la coppia abbia bisogno di trovare uno spazio neutro nel quale poter parlare liberamente, anche in vista di decisioni che incidano sul suo futuro.
  • la coppia stia vivendo un momento di conflitto e abbia bisogno di un terzo, il facilitatore, per gestirlo e riprendere a comunicare, sia in vista di un allontanamento definitivo che di un possibile riavvicinamento,
  • la coppia eterosessuale, in separazione o in divorzio, si trovi ad affrontare l’omosessualità di uno dei due coniugi insieme agli altri aspetti del momento separativo (passaggio da coppia coniugale a coppia genitoriale, ricerca di un accordo condiviso sugli aspetti emotivi, organizzativi ed economici della trasformazione familiare, salvaguardia dell’effettiva bigenitorialità, prevenzione dei danni provocati ai figli da una separazione altamente conflittuale),
  • la famiglia ricomposta omosessuale comprenda al suo interno bambine/i o ragazze/i derivanti da un precedente legame eterosessuale e occorra spiegare la nuova situazione familiare, rivederne l’organizzazione, salvaguardare il ruolo dei genitori e introdurre quello della/del nuova/o partner.

Il servizio prevede anche la costituzione di gruppi di parola per bambine/i o adolescenti. Si tratta di un percorso non terapeutico attraverso il quale le ragazze e i ragazzi, accomunate/i dalla stessa trasformazione familiare, possono sdrammatizzare la propria situazione e iniziare a vederla con occhi diversi, attraverso lo scambio, la parola, il gioco e la lettura.

La mediazione è un percorso pratico (quando occorra trovare degli accordi di carattere organizzativo ed economico) e comunicativo (per facilitare la parola e per affrontare argomenti difficili), solitamente di breve durata.

Lo sportello prevede per le socie e i soci di Azione Gay e Lesbica un incontro orientativo a titolo completamente gratuito e una tariffa agevolata (40 euro per incontri singoli, 35 euro a testa per incontri di coppia) per le eventuali sedute successive.

La Dott. Paolini riceve presso lo Studio Fontani a Firenze. Per informazioni ed eventuale appuntamento scrivere una mail a azionegayelesbica@libero.it.

LA NOSTRA MEDIATRICE FAMILIARE

La Dott. Roberta Paolini, mediatrice familiare e dottore di ricerca in sociologia del cambiamento e della modernizzazione, si occupa da anni di famiglia, infanzia e comunicazione, lavorando con enti pubblici e privati.
Specializzata in Consulenza pedagogica, si è successivamente certificata come conduttrice di Gruppi di parola per bambini e adolescenti che vivono delle trasformazioni in famiglia, mediante la formazione specifica di Marie Simon, dottore di ricerca e psicologa clinica del Centro Bateson di Milano.
Interessata alle dinamiche familiari e alle problematiche dell’identità di genere, ha seguito corsi e seminari presso l’Istituto di terapia familiare e la Scuola di Psicologia comparata di Firenze, l’Istituto degli Innocenti e l’Associazione Famiglie Arcobaleno.
Collabora con l’Associazione CrescereInsieme, il cui obiettivo primario è tutelare il diritto del minore di mantenere rapporti continuativi e significativi con entrambi i genitori.
È iscritta a AIMeA, Associazione Italiana Mediatori Familiari e culturali e Arbitri (www.aimea.it).

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
Facebook
YouTube
SOCIALICON