SPORTELLO DI MEDIAZIONE DEI CONFLITTI FAMILIARI

sportello mediazione familiare
La mediazione dei conflitti familiari facilita la comunicazione tra le persone attraverso l’azione della/del mediatrice/tore, neutra e imparziale. Non è terapia. Ci si può rivolgere alla mediazione dei conflitti, individualmente o in coppia, quando:

  • la figlia o il figlio voglia essere aiutata/o a trovare le parole per comunicare la propria omosessualità ai genitori o in tutti i casi in cui si decida di dichiararsi agli altri (parenti, amici, figli, colleghi, ecc.),
  • la coppia abbia bisogno di trovare uno spazio neutro nel quale poter parlare liberamente, anche in vista di decisioni che incidano sul suo futuro.
  • la coppia stia vivendo un momento di conflitto e abbia bisogno di un terzo, il facilitatore, per gestirlo e riprendere a comunicare, sia in vista di un allontanamento definitivo che di un possibile riavvicinamento,
  • la coppia eterosessuale, in separazione o in divorzio, si trovi ad affrontare l’omosessualità di uno dei due coniugi insieme agli altri aspetti del momento separativo (passaggio da coppia coniugale a coppia genitoriale, ricerca di un accordo condiviso sugli aspetti emotivi, organizzativi ed economici della trasformazione familiare, salvaguardia dell’effettiva bigenitorialità, prevenzione dei danni provocati ai figli da una separazione altamente conflittuale),
  • la famiglia ricomposta omosessuale comprenda al suo interno bambine/i o ragazze/i derivanti da un precedente legame eterosessuale e occorra spiegare la nuova situazione familiare, rivederne l’organizzazione, salvaguardare il ruolo dei genitori e introdurre quello della/del nuova/o partner.

Il servizio prevede anche la costituzione di gruppi di parola per bambine/i o adolescenti. Si tratta di un percorso non terapeutico attraverso il quale le ragazze e i ragazzi, accomunate/i dalla stessa trasformazione familiare, possono sdrammatizzare la propria situazione e iniziare a vederla con occhi diversi, attraverso lo scambio, la parola, il gioco e la lettura.

La mediazione è un percorso pratico (quando occorra trovare degli accordi di carattere organizzativo ed economico) e comunicativo (per facilitare la parola e per affrontare argomenti difficili), solitamente di breve durata.

Lo sportello prevede per i soci e le socie di Azione Gay Lesbica un primo incontro orientativo di un’ora gratuito e per i successivi incontri una tariffa agevolata di 25 Euro orarie a persona per le coppie e 35 Euro orarie a nucleo familiare per famiglie di massimo 4 componenti.
La Dottoressa Carcasci riceve nel suo studio di Via Luca Landucci 12 a Firenze.
Per informazioni e appuntamenti scrivere tramite WhatsApp al 339/5983765 o telefonare allo stesso numero.

LA NOSTRA MEDIATRICE FAMILIARE

Silvia Carcasci, Dottoressa in Psicologia, Mediatrice Familiare specializzata in Child Inclusive Mediation e Conduttore di Gruppi di Parola, si occupa da anni di famiglia, infanzia e adolescenza, relazioni genitori-figli e comunicazione, lavorando con enti pubblici e privati.
Da sempre attiva nell’ambito della comunità LGBTQ e interessata alle dinamiche affettive e relazionali interne alle famiglie di persone gay e transgender, ha preso spesso parte a manifestazioni come il “Rimini Amore” e promosso attività all’interno del Gay Village di Roma. Insieme ad un Avvocato e una Psicologa ha co-fondato il sito www.formatofamiglia.com e dato vita al progetto “Il Volo della Cicogna”, a sostegno delle coppie femminili alla ricerca di un figlio.
Iscritta ad A.I.Me.F. (Associazione Italiana Mediatori Familiari)

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
Facebook
YouTube