Moira. La parola

moira la parola - pubblicazione azione gay e lesbica

In memoria di Moira Ferrari una raccolta di suoi scritti.
Moira Ferrari è nata a Pistoia il 1° Febbraio del 1965, e ivi è scomparsa prematuramente il 28 Settembre 2008 lasciando la comunità lesbica italiana orfana di un’attività inesauribile e di una compagna colta, ironica, affascinante.
Questo libro è la raccolta completa dei suoi scritti editi e di alcuni inediti sia giocosi che seri relativi alla vita e alla politica lesbica.

Memoria irregolare. Vent’anni di testi lesbici selezionati da Bollettina del CLI

memoria irregolare- venti anni di testi lesbici selezionati

Che cosa hanno detto di sé le lesbiche? Quali dibattiti, desideri, riflessioni hanno attraversato le relazioni private e politiche? Come hanno elaborato strategie di sopravvivenza, di visibilità, di affermazione nel sociale?
La trasformazione delle rappresentazioni e delle percezioni di sé, che ha rivoluzionato gli ultimi trent’anni, è il risultato del lavoro di critica all’esistente e di resistenza all’assimilazione che ha visto impegnate, sia nell’ambito dell’elaborazione teorica che in quello della lotta politica, lesbiche eretiche, insubordinate, creative, ideologiche, sofisticate, di strada e d’accademia.
Quello che costituisce per le nuove generazioni di lesbiche un punto di partenza, deve però essere rafforzato dalla consapevolezza di non essere orfane insignificanti in un sistema di trasmissione culturale organizzato solo in funzione della storia patriarcale ed eterosessuale.
Il sapere e la trasmissione del sapere sono infatti un punto cruciale per rendere durevoli le conquiste ottenute in campo sociale e politico e rintuzzare il ritorno al passato, mascherato da futuro.
I testi che sono riproposti nel volume, per la maggior parte scritti di elaborazione e riflessione, ma anche interventi polemici e/o politici, di lesbiche italiane e straniere più o meno note, sono stati tutti pubblicati fra i primi anni Ottanta e la fine degli anni Novanta su Bollettina del CLI, mensile del Collegamento Lesbiche Italiane.

Leggi la recensione sul portale di Lista Lesbica Italiana

Per richiedere il volume scrivi a azionegayelesbica@libero.it

toscana-pride-2016-firenze-(2)

Toscana Pride 2016

toscana-pride-2016-firenze-(2)

L’ARCOBALENO NON NASCE DALLE NUVOLE!
Firenze si prepara ad accogliere il Toscana Pride

Le nostre Associazioni hanno scelto di promuovere il TOSCANA PRIDE, un percorso politico che vedrà nel 2016 iniziative in tutto il territorio regionale ed una manifestazione finale con parata a FIRENZE.

Un PRIDE che metterà al centro la parità di diritti, la tutela dei singoli e delle singole, dei legami affettivi e genitoriali e la laicità delle istituzioni.

Una scelta che nasce dal basso, dalla nostra presenza sul territorio.

L’arcobaleno dell’orgoglio gay, lesbico, trans, …, nasce infatti sulla terra, dal corpo e dalla testa di Sylvia Rivera e di molti altri attivisti e attiviste che, in tempi molto diversi dai nostri, hanno dato un senso collettivo alla rabbia per i soprusi e la discriminazione, trasformando l’indignazione in PARTECIPAZIONE.

Per difendere i diritti e la piena cittadinanza delle persone LGBTIQA (Lesbiche, Gay, Bisex, Trans, Intersex, Queer, Asessuali) e per rendere più compiute le nostre democrazie, queste persone si sono organizzate in associazioni libere, in grado di mobilitare, interloquire con le Istituzioni, offrire spazi aperti per permettere alla nostra gente di vivere serenamente la propria vita e di autodeterminare il proprio percorso.

Le associazioni LGBTIQA nascono da questo moto di orgoglio e dalla responsabilità di dare una RISPOSTA COLLETTIVA e ORGANIZZATA a omofobia, lesbofobia e transfobia e odio di genere, un odio che si traduce in sempre più frequenti episodi di violenza anche nella nostra regione.

Questo il quadro nel quale le nostre Associazioni hanno scelto di promuovere il TOSCANA PRIDE.

Un PRIDE che sarà un’occasione di partecipazione e mobilitazione per tanti cittadini e tante cittadine, una presenza massiccia e orgogliosa che sia la RISPOSTA POSITIVA e colorata ai “portatori di omofobia, lesbofobia, transfobia ed odio di genere”.

Un PRIDE che avrà alla base le storie e le esperienze dei volontari e delle volontarie delle nostre Associazioni, che troverà corpo nella loro capacità di ascolto dei territori, in modo da aggregare nuove forze e cercare sinergie con l’intera società civile.

Un PRIDE nel quale l’arcobaleno non nasce dalle nuvole, ma sulla terra.

AGEDO Toscana (Associazione Genitori, familiari ed amici di persone omosessuali, bisessuali, transessuali e intersessuali)
Arcigay Arezzo “Chimera Arcobaleno”
Arcigay Grosseto “Leonardo da Vinci”
Arcigay Livorno “L.E.D Libertà e Diritti”
Arcigay Pistoia “La Fenice”
Arcigay Siena “Movimento Pansessuale
Arcilesbica Firenze
Azione Gay e Lesbica (Firenze)
Consultorio Transgenere Torre del Lago (LU)
Comitato Gay e Lesbiche Prato
Famiglie Arcobaleno Toscana
IREOS Comunità Queer Autogestita (Firenze)
LuccAut (Lucca)
Pinkriot Arcigay Pisa
Rete Genitori Rainbow

 

official pride party firenze
toscana pride park - pride firenze
quelle due film

MARTEDÌ 8 MARZO – QUELLE DUE

quelle due film

CIAK LINE presenta:

QUELLE DUE 

Regia William Wyler
USA   1961   Drammatico

 

Una ragazzina bugiarda e viziata (Balkin) rovina la vita a due insegnanti, Karen (Hepburn) e Martha (MacLaine), accusandole falsamente di lesbismo. Intelligente e raffinato adattamento di un testo teatrale di Lillian Hellman che Wyler aveva già portato sullo schermo nel 1936 (La calunnia, dove Miriam Hopkins – che fa Mrs. Mortar – interpretava la parte qui affidata alla MacLaine): questa volta, però, la maggior libertà concessa dalla morale hollywoodiana permette a Wyler di affrontare apertamente il problema dell’omosessualità – tanto che Martha confessa a Karen di essere sempre stata disperatamente innamorata di lei – e di chiudere il film rispettando il pessimismo della Hellman: Martha si suicida e Karen non accetta di tornare con il fidanzato (Garner) che l’aveva abbandonata in seguito allo scandalo. E i recenti tempi di maccartismo, oltre al clima da guerra fredda che invade l’America, servono al regista per trovare nuovi punti di riferimento nel creare un’atmosfera di paranoia e sospetto.

the imitation game

MARTEDÌ 23 FEBBRAIO – THE IMITATION GAME

The imitation game

 

CIAK LINE presenta:

THE IMITATION GAME

Regia Morten Tyldum

UK 2014 Drammatico

Il film ci racconta la breve vita dello scienziato britannico matematico Alan Turing. Durante la seconda guerra mondiale Turing svelò il codice tedesco enigma che permise il controllo americano dell’atlantico. Tempo prima, nel 1930, aveva definito il concetto di macchina universale alla base della rivoluzione informatica. Nel 1945 è stato un pioniere nella progettazione del calcolatore elettronico. Il suo vero obiettivo era la comprensione scientifica della mente, esemplificato nel “test di Turing”, che doveva tradursi un una macchina intelligente. Scienziato all’avanguardia nell’innovazione tecnologica, Turing era anche omosessuale, un uomo gay sincero ed onesto, desideroso solo di poter vivere per quello che era. Quando nel 1952 rivelò pubblicamente la sua omosessualità fu arrestato e costretto, per evitare il carcere, alla castrazione chimica. Un trattamento umiliante ed insopportabile che probabilmente lo portò al suicidio nel 1954, mediante una mela avvelenata avvelenata con cianuro di potassio (che, secondo alcuni sarebbe l’origine del logo della Apple). Solo nel 2009, il governo inglese chiederà pubblicamente scusa per avere gestito questa terribile storia di persecuzione e discriminazione.

FIRENZE SI PREPARA AD ACCOGLIERE IL TOSCANA PRIDE

L’ARCOBALENO NON NASCE DALLE NUVOLE!
Firenze si prepara ad accogliere il Toscana Pride

toscana pride giugno 2016Le nostre Associazioni hanno scelto di promuovere il TOSCANA PRIDE, un percorso politico che vedrà nel 2016 iniziative in tutto il territorio regionale ed una manifestazione finale con parata a FIRENZE.
Un PRIDE che metterà al centro la parità di diritti, la tutela dei singoli e delle singole, dei legami affettivi e genitoriali e la laicità delle istituzioni.
Una scelta che nasce dal basso, dalla nostra presenza sul territorio.
L’arcobaleno dell’orgoglio gay, lesbico, trans, …, nasce infatti sulla terra, dal corpo e dalla testa di Sylvia Rivera e di molti altri attivisti e attiviste che, in tempi molto diversi dai nostri, hanno dato un senso collettivo alla rabbia per i soprusi e la discriminazione, trasformando l’indignazione in PARTECIPAZIONE.
Per difendere i diritti e la piena cittadinanza delle persone LGBTIQA (Lesbiche, Gay, Bisex, Trans, Intersex, Queer, Asessuali) e per rendere più compiute le nostre democrazie, queste persone si sono organizzate in associazioni libere, in grado di mobilitare, interloquire con le Istituzioni, offrire spazi aperti per permettere alla nostra gente di vivere serenamente la propria vita e di autodeterminare il proprio percorso.
Le associazioni LGBTIQA nascono da questo moto di orgoglio e dalla responsabilità di dare una RISPOSTA COLLETTIVA e ORGANIZZATA a omofobia, lesbofobia e transfobia e odio di genere, un odio che si traduce in sempre più frequenti episodi di violenza anche nella nostra regione.
Questo il quadro nel quale le nostre Associazioni hanno scelto di promuovere il TOSCANA PRIDE.
Un PRIDE che sarà un’occasione di partecipazione e mobilitazione per tanti cittadini e tante cittadine, una presenza massiccia e orgogliosa che sia la RISPOSTA POSITIVA e colorata ai “portatori di omofobia, lesbofobia, transfobia ed odio di genere”.
Un PRIDE che avrà alla base le storie e le esperienze dei volontari e delle volontarie delle nostre Associazioni, che troverà corpo nella loro capacità di ascolto dei territori, in modo da aggregare nuove forze e cercare sinergie con l’intera società civile.
Un PRIDE nel quale l’arcobaleno non nasce dalle nuvole, ma sulla terra.

AGEDO Toscana (Associazione Genitori, familiari ed amici di persone omosessuali, bisessuali, transessuali e intersessuali)
Arcigay Arezzo “Chimera Arcobaleno”
Arcigay Grosseto “Leonardo da Vinci”
Arcigay Livorno “L.E.D Libertà e Diritti”
Arcigay Pistoia “La Fenice”
Arcigay Siena “Movimento Pansessuale
Arcilesbica Firenze
Azione Gay e Lesbica (Firenze)
Consultorio Transgenere Torre del Lago (LU)
Comitato Gay e Lesbiche Prato
Famiglie Arcobaleno Toscana
IREOS Comunità Queer Autogestita (Firenze)
LuccAut (Lucca)
Pinkriot Arcigay Pisa
Rete Genitori Rainbow

LOS NOVIOS BULGAROS

MARTEDÌ 9 FEBBRAIO – LOS NOVIOS BULGAROS

LOS NOVIOS BULGAROS

 

CIAK LINE presenta:

LOS NOVIOS BULGAROS

Regia Regia Eloy De La Iglesia

Spagna  2005    Drammatico

Basato sul romanzo omonimo di Eduardo Mendicutti, Los Novios Bulgaros è la storia di Daniel, quarantenne avvocato madrileno, e del suo amore per Kyril, giovane immigrato bulgaro. Kyril è uno dei tanti ragazzi provenienti dall’Europa dell’Est che riempiono le strade del quartiere gay e le feste degli amici di Daniel. Godere della compagnia del bel Kyril vuol dire essere molto generosi e tolleranti, non fare troppe domande ed estendere l’affetto anche alla sua fidanzata e futura sposa Kalina che grazie a Daniel riesce a riunirsi in Spagna con Kyril. Incurante delle situazioni pericolose a cui i misteriosi traffici di Kyril lo espone, Daniel racconta la sua discesa in una spirale di desiderio che mette a repentaglio il suo status sociale e il suo equilibrio mentale. Assolutamente cosciente di venire sfruttato ma preparato ad affrontare tutto tranne la perdita, Daniel ci narra con onestà, ironia e tipico umorismo spagnolo una storia di straordinaria passione.

mater natura

MARTEDI 26 GENNAIO 2016 – MATER NATURA

mater natura

 

CIAK LINE presenta:

MATER NATURA

Regia Massimo Andrei  – Italia 2005  Commedia

Una storia di amore viscerale e fuori dall’ordinario, raccontato attraverso un’iconografia transgender, che frulla e omaggia vari stili (non solo) partenopei: dalla sceneggiata napoletana ai film con Nino D’Angelo, l’opera di Pappi Corsicato fino a Pedro Almodóvar. Desiderio, giovane transessuale, s’innamora di Andrea. Insieme fanno progetti per una convivenza. Un giorno, però, Desiderio scopre che Andrea sta per sposarsi con Maria. Sprofondato in una depressione cronica, Desiderio decide di aprire, insieme ad alcuni amici, un centro di agricoltura biologica alle falde del Vesuvio, un istituto che serva anche come luogo di cura per uomini in crisi.

svegliatitalia

SVEGLIATITALIA

#SVEGLIATITALIA

svegliatitalia

Non una ma tante piazze in tutta Italia per raggiungere il traguardo dell’uguaglianza.
Anche FIRENZE partecipa alla mobilitazione nazionale prevista per sabato 23 Gennaio 2016 con una manifestazione colorata e rumorosa.
L’appuntamento è alle 15:00 in Piazza della Repubblica a FIRENZE.
In vista della discussione in Senato sulla proposta di legge sulle #unionicivili, le associazioni nazionali LGBTI (Arcigay, ArciLesbica, Agedo, Famiglie Arcobaleno, MIT) mettono in campo una mobilitazione capillare nelle principali piazze del Paese.
Noi continueremo a lottare per il matrimonio ugualitario ma nel momento in cui il Parlamento Italiano si accinge a discutere una legge sulle unioni civili – il DDL Cirinnà – come in altre città in tutta Italia scendiamo anche noi in piazza per sensibilizzare cittadinanza e istituzioni, in modo da fare tutti insieme un passo verso un’Italia più civile che dice NO ad ogni forma di discriminazione.
Prendiamo la sveglia dal comodino, stacchiamo l’orologio dal muro, ritiriamo fuori quello da polso, settiamo la sveglia sullo smartphone e portiamo tutto in piazza per un flash mob che svegli l’Italia sul tema dei diritti.
Faremo suonare nello stesso momento tutto quello che avremo, batteremo il tempo con le mani sulle lancette e alzeremo i nostri cuori egualitari per far capire a chi ci governa che il tempo è davvero scaduto. ADESSO è davvero ora che in Italia ogni amore venga riconosciuto e che i figli di tutte e tutti siano tutelati.
È ora, insomma, di essere civili e di fare un primo passo verso la piena uguaglianza. È ora, ed è già troppo tardi.
L’Italia è uno dei pochi paesi europei che non prevede nessun riconoscimento giuridico per le coppie dello stesso sesso. Le persone gay, lesbiche, bisessuali e transessuali non godono delle stesse opportunità degli altri cittadini italiani pur pagando le tasse come tutti. Una discriminazione insopportabile, priva di giustificazioni.
Il desiderio di ogni genitore è che i propri figli possano crescere in un Paese in cui tutti abbiano gli stessi diritti e i medesimi doveri.
Chiediamo al Governo e al Parlamento di guardare in faccia la realtà, di legiferare al più presto per fare in modo che non ci siano più discriminazioni e di approvare leggi che riconoscano la piena dignità e i pieni diritti alle persone gay, lesbiche, bisessuali e transessuali, cittadini e cittadine di questo Paese.
La reciproca assistenza in caso di malattia, la possibilità di decidere per il partner in caso di ricovero o di intervento sanitario urgente, il diritto di ereditare i beni del partner, la possibilità di subentrare nei contratti, la reversibilità della pensione, la condivisione degli obblighi e dei diritti del nucleo familiare, il pieno riconoscimento dei diritti per i bambini figli di due mamme o di due papà, sono solo alcuni dei diritti attualmente negati.
Questioni semplici e pratiche che incidono sulla vita di milioni di persone.
Noi siamo sicuri di una cosa: gli italiani e le italiane vogliono l’uguaglianza di tutte e di tutti!!”

PROMOTORI evento fiorentino:
Famiglie Arcobaleno Toscana, Arcilesbica Firenze, Agedo Toscana, Azione Gay e Lesbica, IREOS – comunità queer autogestita, Gruppo Giovani GLBTI*, Rete Genitori Rainbow, Lei disse sì, Comitato Gay e Lesbiche Prato, PinkRiot Arcigay Pisa, Intersexioni, CGIL Firenze, ARCI Firenze

ADESIONI evento fiorentino:

Amnesty International FIRENZE
Coordinamento fiorentino contro la violenza di genere e il sessismo
Unite in Rete Firenze
UDU
Rete degli Studenti Medi
Diversamentemamme
Polis Aperta
Alessio Rossi, Consigliere Comunale di Firenze
Le Mafalde
Il Diritto di Essere Io
Firenze Pride
Circolo Anddos Fabrik Firenze
Circolo Anddos Home Pisa
MAMAMIA di Torre del Lago
Associazione Amici del Cabiria
Associazione Consultorio Transgenere Torre del Lago
Centro di Ascolto Uomini Maltrattanti
Libere tutte – Firenze
Associazione Coltiviamo la Cultura in genere
Progetto Maschio per Obbligo – MEDU
Gruppo Firenze riparte a sinistra con Sel, Fas e Prc
Tommaso Grassi, Consigliere Comunale di Firenze
Donella Verdi, Consigliere Comunale di Firenze
Giacomo Trombi, Consigliere Comunale di Firenze
Sì – Toscana a Sinistra
On. Marisa Nicchi, Sinistra Italiana – SEL
Daniela Dacci, Commissione Pari opportunità, Regione Toscana
Comitato – Possibile Firenze
Collettivo RossoMalpolo
CNGEI Sezione di Firenze
Le Musiquorum
Associazione radicale Certi diritti
Comunità “Agape” – Chiesa della Comunità Metropolitana (CCM/MCC) Firenze
Massimo Lensi, presidente dei Radicali fiorentini
Giulia Fossi, Vicesindaco Comune Dicomano
Carlo Boni, Assessore del Comune di Pontassieve
Patrizio Latronico, Consigliere Comunale di Dicomano e Capogruppo di maggioranza presso l’Unione dei Comuni Mugello
Comitati Toscani di “Possibile”
Vice Sindaco Comune Montopoli in Val d’Arno (PI)
Flavio Tani, Consigliere Comunale Calcinaia (PI)
Lista “Insieme per il Bene Comune”
Donatella Turchi, Assessore Comune di Dicomano
Alessio Poggiali, Assessore Comune di Dicomano
Giovani Democratici di Pisa
Associazione per l’iniziativa radicale “Andrea Tamburi”
Consiglieri Comunali di Linea Civica
SILP – Sindacato Italiano Lavoratori Polizia- CGIL di Firenze
Sinistra Ecologia e Libertà Toscana
Sen. Alessia Petraglia – SEL Sinistra Ecologia e Libertà
SISM Firenze
Andrea Cammelli, Conisgliere Comunale di Fiesole
Jacopo Bencini, Assessore Comune di Pontassieve
Circolo UAAR di Firenze
Daniele Donnini, Consigliere Comunale Comune di Pontassieve
Sesto Bene Comune
Onorevole Tea Albini
Camilla Zama, Consigliera Comunale Comune di Pontassieve
Samuele Staderini, Consigliere Comunale Rignano sull’Arno
Fabrica Comune per la Sinistra di Empoli
Associazione cristiana “Fiumi d’acqua viva”
CSX Firenze
Alternativa Libera Firenze
Cinzia Frosolini, Assesore Comune di Pontassieve
RETEDEM nazionale e Toscana
Rignano Passione in Comune – lista civica
Partito Democratico di Borgo San Lorenzo
Gruppo Centro-Sinistra per Scarperia e San Piero
Associazione “Per Sesto”
Daniele Naldoni, Capogruppo Centro-Sinistra Comune di San Piero-Scarperia
Serena Spinelli, Consigliera Regionale
Fiammetta Capirossi, Consigliera regionale
Sara di Maio, Vicesindaco Comune di Barberino del Mugello
Gabriele Timpanelli, Presidente del Consiglio Comunale di Borgo San Lorenzo
Marco Gasparrini, Presidente del Consiglio Comunale di Vicchio
Sonia Spacchini, Capogruppo Comune di Borgo San Lorenzo
David Speranzi, Consigliere Comune di Dicomano
Chiara Minozzi, Capogruppo Comune di Dicomano

ENTI LOCALI che aderiscono ad evento fiorentino:
Comune di Calenzano
Comune di Impruneta
Comune di Campi Bisenzio
Comune di Certaldo
Unione dei Comuni Empolese Valdelsa
Comune di Scandicci
Comune di Signa

Per l’adesione di (singoli, associazioni, istituzioni, partiti) scrivete a: toscana@famigliearcobaleno.org

scusate se esisto

MARTEDI 12 GENNAIO 2016 – SCUSATE SE ESISTO

scusate se esisto

 

CIAK LINE presenta:

SCUSATE SE ESISTO

Regia Riccardo Milani  – Italia 2014  Commedia

Serena è un architetta dal talento straordinario. Dopo una serie di successi professionali all’estero, ha deciso di tornare a lavorare in Italia, perché ama il suo paese. Nell’avventurosa ricerca di un posto di lavoro si trova di fronte a una scelta folle, farsi passare per quello che tutti si aspettano che lei sia: un uomo… O così pare. Nel frattempo incontra Francesco. Bello e affascinante. Il compagno ideale. Se non fosse che a lui non piacciono le donne…. Tra Serena e Francesco nasce un rapporto intenso e diventano la coppia perfetta… Pronti a tutto pur di darsi una mano saranno costretti a condividere segreti e inganni perché a volte, per essere davvero se stessi, è meglio fingersi qualcun altro!

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
Facebook
YouTube